Dipartimento di Neuroscienze Cliniche, Villa San Benedetto (Albese con Cassano - Como)
HOME     CEDANS     TEAM     PRENOTAZIONI     CONTATTO     MAPPA SITO     PRIVACY     
Ricerca Clinica Didattica
Ricerca avanzata
HOME     LE TERAPIE     

Cosa sono gli psicofarmaci
Secondo la definizione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) un farmaco è una "qualunque sostanza che, introdotta nell'organismo, ne può modificare le funzioni". Possiamo definire gli psicofarmaci tutti quei principi attivi che, agendo sul Sistema Nervoso Centrale (SNC), provocano una modificazione dei processi di pensiero e nel comportamento sia normali che patologici. In tal modo, gli psicofarmaci sono utili sia nella cura dei sintomi che nel trattamento delle cause dei disturbi.
Il trattamento farmacologico dei disturbi mentali è una delle aree in piò rapida evoluzione nell'ambito della medicina e della farmacologia. Tale costante aggiornamento è legato alla evidenza scientifica che porta alla sempre crescente disponibilità di nuovi principi farmacologici e alla evidenza di nuove indicazioni terapeutiche per i farmaci già esistenti. Tutto ciò contribuisce a migliorare sensibilmente la possibilità di trattare con successo molti disturbi psichici.


Farmaci utilizzati
Sono disponibili molte molecole attive sul SNC in grado di offrire molteplici alternative nel trattamento dei disturbi psichici. Ciascuna deve essere individuata con attenzione dallo specialista nell'ambito, talvolta, di un percorso terapeutico piò articolato. Esse possono essere raggruppate, a scopo esemplificativo, in quattro grosse categorie:

- Gli antidepressivi
Gli antidepressivi costituiscono una grossa categoria di farmacologica che comprende farmaci in grado di modulare l'attività delle funzioni psichiche attraverso la loro azione su diversi neurotrasmettitori (cioè le sostanze che consentono alle informazioni di passare tra le cellule componenti il sistema nervoso) tra cui la serotonina e la noradrenalina. Scoperti come farmaci in grado di agire sul tono dell'umore, le molecole antidepressive si sono via,via rivelate efficaci nel trattamento di diversi disturbi come il disturbo di panico o il disturbo ossessivo-compulsivo. Rispetto agli antidepressivi di vecchia generazione (triciclici) la nuova generazione di antidepressivi(SSRI, NaRi e SNRI) rappresenta un importante passo avanti. Sono infatti farmaci dotati di un'attività neurochimica piò selettiva, di un'azione clinica parimenti efficace e di minore effetti collaterali.

- Gli stabilizzanti
Fanno parte di tale gruppo un insieme eterogeneo di composti utilizzati nel trattamento dell'epilessia e nella prevenzione e terapia degli episodi maniacali e depressivi. Tuttavia, le recenti linee guida e le indicazioni scientifiche suggeriscono l'uso di queste molecole non solo per il trattamento dei disturbi del tono dell'umore ma anche dei disturbi d'ansia. Infatti, questi farmaci attenuano sintomi quali l'apprensione, l'agitazione e l'insonnia, grazie al loro meccanismo d'azione che coinvolge i cosiddetti recettori GABA, cruciali nella modulazione dell'ansia e della paura.

- Le benzodiazepine
Le benzodiazepine sono una classe di farmaci con proprietà sedative, ansiolitiche ed ipnoinducenti, spesso usate per offrire un sollievo di breve durata agli stati di ansia, agitazione o insonnia. Dal punto di vista farmacologico tutte le benzodiazepine condividono un comune meccanismo d'azione, agendo a livello dei recettori del GABA. La loro principale indicazione alla somministrazione è il controllo in fase acuta dell'ansia e dell'insonnia, soprattutto nella fase iniziale di un trattamento piò mirato orientato al trattamento del disturbo sottostante, di cui l'ansia è un sintomo.

- I neurolettici
Il termine neurolettico (o antipsicotico) è utilizzato genericamente per definire una classe di farmaci utilizzati per il trattamento della schizofrenia e di altre psicosi. La loro efficacia è legata all'azione sui recettori della dopamina. Accanto ai neurolettici tradizionali, la ricerca scientifica ha sviluppato nuovi neurolettici definiti "atipici", che si differenziano per avere meno effetti collaterali e per avere un diverso meccanismo d'azione coinvolgente anche i recettori della serotonina. Per questo motivo questi farmaci si sono mostrati utili nelle strategie di intervento farmacologico nei disturbi d'ansia ed emotivi.

La terapia Farmacologica
Secondo la definizione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) un farmaco è una "qualunque sostanza che, introdotta nell'organismo, ne può modificare le funzioni"...
Gli interventi psicologici
La Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale è attualmente considerata, a livello internazionale, uno dei più affidabili ed efficaci modelli per la comprensione ed il trattamento dei disturbi psicopatologici...
I Percorsi riabilitativi
La riabilitazione cognitiva è una tecnica terapeutica che ha come finalità il miglioramento di quelle funzioni cerebrali che risultano deficitarie come conseguenza dell'avanzare dell'età o a seguito di una danno cerebrale, come si verifica nei disturbi neurologici o nelle malattie psichiatriche...
Altre terapie
Tutti noi sappiamo, proprio perché lo sperimentiamo nella nostra vita quotidiana, che lo stress può provocare una forte tensione, fisica (muscolare) o mentale (psicologica), che si ripercuote sul benessere psicofisico della persona...
Prenotazioni
Sede
FIDANS - Progetto per i Disturbi d'Ansia e da Stress
HOME     CEDANS     TEAM     PRENOTAZIONI     CONTATTO     MAPPA SITO     PRIVACY